itsqarenfrdeeliwrues
  • Home
  • Iniziative
  • Iniziative recenti (2018-2020)

 

Immaginiamo insieme il nostro futuro con @Ada Community Culturale

Illustrazione gabriele sanzo

Oggi non sentiamo il brusio tipico dell’evento che sta per iniziare, senza di voi vengono meno molte delle nostre ragioni e delle nostre motivazioni.

Eppure sappiamo che presto ci incontreremo nuovamente, sicuramente diversi, ma anche in questi momenti siamo vicini perché l’essenza dell’incontro è fatta di emozioni, discussioni e idee che uniscono gli operatori della cultura e del sociale e pubblico in una comunità importante nella vita della nostra città e noi vogliamo continuare ad esserlo anche a distanza. Per questo continuiamo a immaginare e raccontarci, ma soprattutto vorremmo sentire la vostra voce: solo insieme siamo davvero una comunità.

Leggi tutto

Prorogata la chiusura al pubblico dell'ISRAT fino al 13 aprile 2020

1 aprile 2020

L'Istituto ha prorogato la chiusura al pubblico fino al 13 aprile 2020 come da direttive del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1 aprile 2020.

Fare clic e qui per visualizzare/scaricare il DPCM 1 aprile 2020

Per informazioni e comunicazioni si prega di utilizzare i seguenti indirizzi di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

L'ISRAT rimane chiuso al pubblico fino al 3 aprile 2020

Schermata 2020 03 08 alle 06.06.02

L'Istituto rimarrà chiuso al pubblico fino al 3 aprile 2020 in ottemperanza al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 marzo 2020 – COVID-19.

Fare clic e qui per visualizzare/scaricare il DPCM 8 marzo 2020

Per informazioni e comunicazioni si prega di utilizzare i seguenti indirizzi di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

L'ISRAT riapre al pubblico

logo israt nuovo YouTube

A seguito delle disposizioni emanate dal Governo, l'Istituto riapre al pubblico con tutti i suoi servizi.

RINVIATO A DATA DA DESTINARSI - Corso di aggiornamento e formazione: "Popoli in movimento dal Secondo dopoguerra a oggi"

popoli in movimento

L'appuntamento di giovedì 27 febbraaio 2020 è stato rinviato a data da destinarsi in ottemperanza all'Ordinanza n. 1 del Ministero della Salute ad oggetto " Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019."

Fare clic e qui per visualizzare/scaricare l'Ordinanza n. 1 del Ministero della Salute


Formazione, didattica

Popoli in movimento dal Secondo dopoguerra a oggi

Corso di aggiornamento e formazione per insegnanti

Leggi tutto

RINVIATA A DATA DA DESTINARSI - Presentazione del volume "Attila, Pepe e gli altri…"

26 02 2020 rinviata

L'evento è stato rinviato a data da destinarsi in ottemperanza all'Ordinanza n. 1 del Ministero della Salute ad oggetto " Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019."

Fare clic e qui per visualizzare/scaricare l'Ordinanza n. 1 del Ministero della Salute


Presentazione del volume

Attila, Pepe e gli altri. La lotta partigiana tra il Monferrato e le Langhe

di Mario Renosio

Leggi tutto

Spettacolo teatrale "Guido suonava il violino" a Cerro Tanaro

Guido suonava violino Cerro Tanaro

Iniziativa per la Giornata della Memoria 2020 a Cerro Tanaro

Guido suonava il violino

Spettacolo teatrale, testo e regia di Patrizia Camatel, con Elena Formantici, liberamente tratto dal racconto Un violino di Nicoletta Fasano.

Si tratta di un monologo teatrale tutto al femminile che si dipana come un racconto giallo e assume le misteriose atmosfere di un thriller a carattere storico. Un vecchio violino entra prepotentemente nella quotidianità di una donna, ricercatrice di professione, costringendola ad abbandonare il suo rassicurante, scientifico metodo di indagine e chiedendole di dedicarsi, anima e cuore, alla ricostruzione di una storia da salvare dall’oblio. Quel violino uscito dalla polvere di una cantina pare dotato di volontà propria: stride, geme, chiama con veemenza e ottiene ascolto. E racconta la vicenda di una famiglia ebrea sfollata ad Asti al tempo delle leggi razziali e della guerra, con gli immancabili risvolti di sradicamento, discriminazione, deportazione.

Leggi tutto

Giorno del Ricordo - Presentazione del volume di Enrico Miletto

Miletto 06 02 2020

Iniziativa per il Giorno del Ricordo

Gli italiani di Tito. La Zona B del Territorio libero di Trieste e l'emigrazione comunista in Jugoslavia (1947-1954)

Presentazione del volume di Enrico Miletto

Ne discute con l'autore Mario Renosio, direttore ISRAT

Giovedì 6 febbraio 2020 ore 17

Polo universitario Astiss "Rita Levi Montalcini". Piazzale de Andrè, Asti.

 

 

 

La de-umanizzazione dell’altro, la violenza, la psicologia della diseguaglianza

Chiara volpato completo

Iniziativa per la Giornata della Memoria 2020 ad Asti

La de-umanizzazione dell’altro, la violenza, la psicologia della diseguaglianza

Incontro con Chiara Volpato, docente di psicologia sociale presso l’Università Milano-Bicocca, alla ricerca di quelle radici anche psicologiche che hanno determinato in passato – e si ripetono nel presente – i rapporti tra vittime e carnefici, tra aguzzini e vittime, rapporti che hanno trovato nel Lager lo spazio per esprimersi in tutta la loro tragicità.

Incontro con gli studenti

Mercoledì 5 febbraio 2020 ore 11

Archivio di Stato, Via Govone 9 Asti

 

 

 

La de-umanizzazione dell’altro, la violenza, la psicologia della diseguaglianza

Chiara volpato completo

Iniziativa per la Giornata della Memoria 2020 ad Asti

La de-umanizzazione dell’altro, la violenza, la psicologia della diseguaglianza

Incontro con Chiara Volpato, docente di psicologia sociale presso l’Università Milano-Bicocca, alla ricerca di quelle radici anche psicologiche che hanno determinato in passato – e si ripetono nel presente – i rapporti tra vittime e carnefici, tra aguzzini e vittime, rapporti che hanno trovato nel Lager lo spazio per esprimersi in tutta la loro tragicità.

Conferenza pubblica (valida ai fini della formazione e dell'aggiornamento dei docenti)

Mercoledì 5 febbraio 2020 ore 15

Polo Universitario Asti Studi Superiori, Piazzale de André Asti

 

 

 

Conferenza "La vita offesa: vittime, responsabili e difficili ritorni" a Castagnole Lanze

Castagnole Lanze

Iniziativa per la Giornata della Memoria 2020 a Castagnole delle Lanze

La vita offesa: vittime, responsabili e difficili ritorni

Conferenza di Nicoletta Fasano

Con Nicoletta Fasano, ricercatrice Israt, ricostruiremo insieme i momenti della deportazione astigiana, dall'arresto al viaggio verso il Lager, alla negazione della dignità, alla liberazione. Un “viaggio” nella disumanizzazione per capire com'è potuto accadere.  Ma per capire anche i difficili ritorni ad una normalità sognata.

Domenica 2 febbraio 2020 ore 16

Biblioteca

 

 

 

Spettacolo teatrale "Guido suonava il violino" a Scurzolengo

locandina 1 febbraio 2020

Iniziativa per la Giornata della Memoria 2020 a Scurzolengo

Guido suonava il violino

Spettacolo teatrale, testo e regia di Patrizia Camatel, con Elena Formantici, liberamente tratto dal racconto Un violino di Nicoletta Fasano.

Si tratta di un monologo teatrale tutto al femminile che si dipana come un racconto giallo e assume le misteriose atmosfere di un thriller a carattere storico. Un vecchio violino entra prepotentemente nella quotidianità di una donna, ricercatrice di professione, costringendola ad abbandonare il suo rassicurante, scientifico metodo di indagine e chiedendole di dedicarsi, anima e cuore, alla ricostruzione di una storia da salvare dall’oblio. Quel violino uscito dalla polvere di una cantina pare dotato di volontà propria: stride, geme, chiama con veemenza e ottiene ascolto. E racconta la vicenda di una famiglia ebrea sfollata ad Asti al tempo delle leggi razziali e della guerra, con gli immancabili risvolti di sradicamento, discriminazione, deportazione.

Leggi tutto